CONAF - Consiglio Ordine Nazionale Dottori Agronomi e Dottori Forestali
  • CONAF - Consiglio Nazionale
  • Organi Consultivi CONAF
  • Professione
  • Segreteria CONAF
  • Servizi agli Iscritti
  • Centro studi
  • Alta formazione
  • Comunicazione CONAF
  • Area Internazionale

Notiziario Conaf

 

Sommario
1. CONAF NOTIZIE
2. CONAF APPUNTAMENTI
3. COMUNICATI STAMPA
4. ORDINI E FEDERAZIONI
5. AREA INTERNAZIONALE
6. DI INTERESSE PER LA PROFESSIONE
 

1.CONAF NOTIZIE 

AVVISO PUBBLICO

 

PROCEDURA APERTA ALLA CONSULTAZIONE PER L’AGGIORNAMENTO DEL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE – P.T.P.C. 2017-2019 COMPRENSIVO DEL PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L’INTEGRITA’ – PTTI 2017-2019 DEL CONSIGLIO DELL’ORDINE NAZIONALE DEI DOTTORI AGRONOMI E DEI DOTTORI FORESTALI

 

è stato pubblicato sul sito del CONAF alla pagina: http://www.conaf.it/node/117069  l’avviso pubblico “Procedura aperta alla consultazione per l’aggiornamento del piano triennale di prevenzione della corruzione – p.t.p.c. 2017-2019 comprensivo del programma triennale per la trasparenza e l’integrità – PTTI 2017-2019 del Consiglio dell’Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali”

Tutti i soggetti interessati possono dunque trasmettere, entro e non oltre il giorno 30 gennaio 2017, il proprio contributo propositivo al seguente indirizzo di posta elettronica certificata: protocollo@conafpec.it

 

CON.VI verso Vinitaly 2017

Si è riunita a Milano, lo scorso 16 gennaio, la Consulta Nazionale del Vino Italiano (CON.VI) costituita nel 2015 con  l’obiettivo di rilanciare   i  valori e la cultura enologica dell’Italia, riflettendo su importanti tematiche del comparto vitivinicolo  nazionale  ed affrontando concretamente i problemi del settore a 360°. Il La consulta, di cui fa parte il CONAF, ha presentato durante la riunione, il progetto per la presenza dell’Associazione all’edizione Vinitaly del 2017.

People4Soil: firma l'iniziativa dei cittadini per salvare i suoli d'Europa!

Il suolo rappresenta una delle principali risorse strategiche dell'Europa, in quanto garantisce la sicurezza alimentare, la conservazione della biodiversità e la regolazione dei cambiamenti climatici. È giunto il momento di proteggere i suoli europei.

L’obiettivo è il Riconoscimento del suolo come patrimonio comune che necessita di protezione a livello UE, poiché apporta benefici essenziali legati al benessere umano e alla resilienza ambientale; sviluppo di uno specifico quadro giuridicamente vincolante che copra le principali minacce ai suoli: erosione, impermeabilizzazione, perdita di materia organica, perdita di biodiversità e contaminazione; integrazione, nelle politiche UE, degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite relativi ai suoli; adeguata considerazione e riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra provenienti dal settore agricolo e forestale.

Anche il CONAF sostiene l’iniziativa. Per firmare la petizione visita il sito https://salvailsuolo.it

Maggiori informazioni sulla petizione all’indirizzo:

 http://ec.europa.eu/citizens-initiative/public/initiatives/ongoing/details/2016/000002?lg=it

 

2. CONAF APPUNTAMENTI 

Il Consigliere CONAF Enrico Antignati parteciperà il prossimo 20 gennaio alla Conferenza “The Cork 2.0 Declaration - from reflection to action (Berlin, Germany) -20 January 2017 from 16:30 - 18:00” (Maggiori informazioni nella sezione → “Area internazionale” )

3. COMUNICATI STAMPA   

4. ORDINI E FEDERAZIONI

5.  AREA INTERNAZIONALE

6.  DI INTERESSE PER LA PROFESSIONE

Convegno- Le filiere cerealicole in Toscana: problematiche attuali e prospettive future

Firenze - 25 gennaio 2017- Sala Pegaso - Palazzo Sacrati Strozzi Piazza Duomo, 10

A seguito della grave crisi che ha interessato il settore cerealicolo e considerata la grande importanza economica, sociale e ambientale che tale comparto riveste in Toscana, la Regione ha ritenuto opportuno promuovere un'iniziativa pubblica, finalizzata ad approfondire le problematiche attuali e le prospettive future delle principali filiere cerealicole regionali e ad esaminarne i principali punti di forza, quali la valorizzazione della tipicità, della qualità e della tracciabilità (ad esempio il Pane Toscano DOP), anche al fine di valutare la possibilità di estendere tali esperienze positive ad altre filiere, in particolare a quella della pasta e ad altri prodotti derivati (prodotti da forno, ecc.).

L’iniziativa, in particolare, intende esaminare i seguenti aspetti delle filiere cerealicole toscane: criticità attuali, aspetti innovativi e di ricerca, prospettive e linee di intervento.

L’iniziativa, organizzata da Regione Toscana, in collaborazione con l’Accademia dei Georgofili, è rivolta a tutti i soggetti pubblici e privati portatori di competenze e di interesse nell'ambito delle filiere cerealicole toscane.

 

 

AGEA

Ø  Avviso per indagine di mercato finalizzata all'espletamento di procedura negoziata per l'affidamento triennale del servizio di RESPONSABILE ESTERNO DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE E DEL MEDICO COMPETENTE E DELLA SORVEGLIANZA SANITARIA ai sensi del D. Lgs. 81/2008 e successive modifiche e integrazioni

http://www.agea.gov.it/portal/page/portal/AGEAPageGroup/HomeAGEA/VisualizzaItem?iditem=54490240&idpage=6593132&indietro=Home

 

Ø  Istruzioni Operative n. 1 del 10 gennaio 2017

Disposizioni operative per la gestione dei dati dei Programmi Operativi da parte delle Organizzazioni di produttori, finalizzate alla erogazione dei relativi aiuti in applicazione dei Reg. (UE) n. 1308/2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio e Reg. (UE) N. 543/2011 della Commissione

Tipo Normativa: Normativa Agea

Data di Riferimento 10/01/2017

Allegati ANTICIPO

Allegati CRISI

Allegati EVENTI

Allegati SALDO e VERSAMENTO PARZIALE

http://www.agea.gov.it/portal/page/portal/AGEAPageGroup/HomeAGEA/VisualizzaItem?iditem=54489651&idpage=6594156&indietro=Home

 

MIPAAF

Ø  Latte: origine obbligatoria in etichetta per latte e formaggi in Italia, firmato decreto  (09.12.2016)

Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali rende noto che è stato firmato dai Ministri Maurizio Martina e Carlo Calenda il decreto che introduce in etichetta l'indicazione obbligatoria dell'origine per i prodotti lattiero caseari in Italia. La firma segue il parere positivo delle Commissioni Agricoltura della Camera e del Senato e l'intesa raggiunta in Conferenza Stato Regioni. Con questo nuovo sistema, una vera e propria sperimentazione in Italia, sarà possibile indicare con chiarezza al consumatore la provenienza delle materie prime di molti prodotti come latte UHT, burro, yogurt, mozzarella, formaggi e latticini. Il provvedimento si applica al latte vaccino, ovicaprino, bufalino e di altra origine animale

https://www.politicheagricole.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/10708

 

Ø  ICQRF - Decreto di delega ai Direttori degli Uffici territoriali ICQRF della potestà di irrogare le sanzioni amministrative previste dalla legge 12 dicembre 2016, n. 238

https://www.politicheagricole.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/10815

 

Ø  ERANET COFUND SUSFOOD2 - Bando transnazionale per progetti di ricerca 2017

Bando transnazionale 2017 per il finanziamento di progetti di ricerca: presentazione proposte entro il 13 marzo 2017 9 gennaio 2017: emanazione del bando per progetti di ricerca transnazionali che saranno finanziati dai Paesi partecipanti, e per i quali è previsto anche un contributo della Commissione UE, secondo le regole delle azioni ERANET Cofund. Il pre-announcement è stato pubblicato il 6 dicembre 2016. Informazioni sul bando e dettagli sul contributo Mipaaf sono disponibili al sito http://susfood-era.net

https://www.politicheagricole.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/10786

 

MINISTERO DELL’AMBIENTE

Ø  Concorso aggiornamento albo direttori parchi nazionali

Il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare bandisce un concorso, per titoli, per l'aggiornamento dell'albo degli idonei all'esercizio dell'attività di direttore di parco nazionale ai sensi del combinato disposto dell’art.1 comma 1 del decreto del Ministro dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare 15 giugno 2016, n.143 e del decreto Direttoriale del Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare del  23 settembre 2016

http://www.minambiente.it/notizie/concorso-aggiornamento-albo-direttori-parchi-nazionali

 

Ø  PFAS: Degani, da Governo risorse ma competenza regionale, no scaricabarile

Sottosegretario: “80 milioni per approvvigionamento idrico alternativo, 23 milioni su Fratta Gorzone a rischio se Veneto non firma accordo”. “Sulla questione Pfas la competenza è regionale, non si può fare scaricabarile. Il Governo, su richiesta del Ministero dell’Ambiente, ha approvato il 1° Dicembre scorso il piano operativo Ambiente che prevede investimenti per 1,6 miliardi all’interno dei quali ci sono gli 80 milioni di euro per il Veneto che potranno essere utilizzati per l’approvvigionamento idrico alternativo all’attuale sistema”. Lo spiega in una dichiarazione il sottosegretario all’Ambiente Barbara Degani, facendo il punto sulle risorse destinate alla questione Pfas. “Il perfezionamento dell’atto – aggiunge  Degani - avrà luogo dopo la metà di Febbraio, completato l’iter formale (Ragioneria e Corte dei Conti). Sempre di Pfas – aggiunge - si è parlato anche nell’accordo del Fratta Gorzone, per il quale erano stati riprogrammati altri 23 milioni dal Ministero dell’Ambiente: ora c’è il rischio – avverte Degani – di perdere quei fondi perché la Regione non ha firmato l’accordo”.

http://www.minambiente.it/notizie/pfas-degani-da-governo-risorse-ma-competenza-regionale-no-scaricabarile

 

Ø  Energia rinnovabile: un nuovo meccanismo di finanza verde promuove gli investimenti italiani in Libano

Beirut, 12 dicembre 2016 - Il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha firmato un Accordo con la Banca del Libano (BDL) per promuovere una linea di finanziamento agevolato per progetti, presentati da imprese libanesi nel campo delle energie rinnovabili e del risparmio energetico, che prevedano un coinvolgimento di imprese italiane o di tecnologia italiana per un valore pari ad almeno il 60% dell’importo complessivo del credito richiesto. Le imprese libanesi che accederanno a questa speciale linea di finanziamento, otterranno un’agevolazione pari al 10% del valore del credito richiesto, che verrà erogato a fondo perduto. L’iniziativa, che sarà finanziata con un contributo di 5milioni di euro da parte del Ministero italiano dell’Ambiente, si colloca in un più vasto programma di finanza per il clima promosso dalla Banca del Libano per incentivare, attraverso prestiti agevolati, le imprese libanesi che contribuiscono al Programma Energetico Nazionale Libanese (NEEREA) messo a punto per dare attuazione agli accordi legati alla Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici (UNFCCC)

http://www.minambiente.it/notizie/energia-rinnovabile-un-nuovo-meccanismo-di-finanza-verde-promuove-gli-investimenti-italiani

 

ISPRA

Ø  Giornata informativa del Progetto EMODNET – Geology

Il Progetto EMODNET - Geology è giunto alla conclusione della sua seconda fase. EMODnet (European Marine Observation and Data Network) - Lot Geology è un progetto finanziato dalla Direzione generale degli Affari marittimi e della pesca della Commissione Europea (D.G. MARE) con l’obiettivo di assemblare e rendere disponibili i dati geologici esistenti dei mari europei. Sul portale del Progetto EMODNET - Geology è disponibile la cartografia digitale dei dati geologici, integrati e omogenei, organizzati in livelli informativi corrispondenti alle diverse tematiche individuate per descrivere le caratteristiche geologiche dei fondali marini europei (sedimenti sui fondali, geologia del substrato, evoluzione delle coste, eventi geologici, georisorse). Il Servizio Geologico d'Italia è il referente italiano del Progetto e coordinatore del task “Geological events and probabilities”, che include vulcani, terremoti, frane, tsunami, emissioni fluide e tettonica. La giornata è intesa a informare la comunità scientifica dei geologi italiani sui risultati conseguiti nel corso del Progetto, sull’armonizzazione e disponibilità delle informazioni di geologia marina e sui possibili sviluppi futuri

http://www.isprambiente.gov.it/it/events/giornata-informativa-del-progetto-emodnet-geology

 

Ø  Nasce il Sistema nazionale a rete per la protezione dell'ambiente

Dal 14 gennaio partiranno le attività del Sistema nazionale per la protezione dell'ambiente (SNPA) con l’entrata in vigore della legge 28 giugno 2016 n. 132, “Istituzione del Sistema nazionale a rete per la protezione dell'ambiente e disciplina dell'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale”. Il SNPA nasce per assicurare omogeneità ed efficacia all'esercizio dell'azione conoscitiva e di controllo pubblico della qualità dell'ambiente a supporto delle politiche di sostenibilità ambientale e di prevenzione sanitaria a tutela della salute pubblica. Per questo, sono istituiti i LEPTA, strategici per la reale messa in atto del Sistema, in quanto rappresentano i livelli essenziali delle prestazioni tecniche ambientali, che costituiranno il livello minimo omogeneo in tutto il territorio nazionale per i servizi che dovrà garantire il SNPA

http://www.isprambiente.gov.it/it/evidenza/ispra/nasce-il-sistema-nazionale-a-rete-per-la-protezione-dellambiente

 

Ø  Rapporto Rifiuti Urbani - Edizione 2016

Il Rapporto Rifiuti Urbani, giunto alla sua diciottesima edizione, è frutto di una complessa attività di raccolta, analisi ed elaborazione di dati da parte del Servizio Rifiuti dell’ISPRA, in attuazione di uno specifico compito istituzionale previsto dall’art. 189 del d.lgs. n. 152/2006. L'edizione 2016 fornisce i dati, aggiornati all’anno 2015, sulla produzione, raccolta differenziata, gestione dei rifiuti urbani e dei rifiuti di imballaggio, compreso l’import/export, a livello nazionale, regionale e provinciale. Riporta, inoltre, le informazioni sul monitoraggio dell’ISPRA sui costi dei servizi di igiene urbana e sull’applicazione del sistema tariffario. Infine, presenta una ricognizione dello stato di attuazione della pianificazione territoriale aggiornata all’anno 2016

http://www.isprambiente.gov.it/it/evidenza/pubblicazioni/rapporto-rifiuti-urbani-edizione-2016

 

RETE RURALE

Ø  Sono disponibili sul sito della Rete Rurale, ed accessibili dalla pagina dedicata alla formazione, due nuovi report di analisi e una applicazione rivolta ai formatori. Il primo report contiene una analisi dei fabbisogni formativi in agricoltura che, sulla base di alcune indagini realizzate da Unioncamere e Isfol, integrate da informazioni provenienti dai PSR, fornisce un quadro dei profili professionali più richiesti e delle competenze e abilità che li caratterizzano. Il secondo documento presenta lo stato di avanzamento della Misura 1, aggiornato a dicembre 2016, proponendo una lettura ragionata e trasversale dei bandi pubblicati. Infine è disponibile l’applicazione Rur@Lab per la produzione di unità didattiche multimediali. È una sorta di laboratorio virtuale per il formatore attraverso il quale è possibile organizzare una lezione assemblando diversi contenuti sotto forma di testi, immagini, audio e video.  Il risultato può essere diffuso via web e utilizzato in tutti dispositivi, mobili e fissi, che possono navigare in Internet

http://www.reterurale.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/15852

 

Ø  Il sostegno alla diversificazione nei PSR 2014-2020: avviamento di attività imprenditoriali e investimenti per la creazione e lo sviluppo di attività extra - agricole

La diversificazione delle attività delle aziende agricole (ospitalità, ristorazione, artigianato, produzione di energie rinnovabili, tutela del paesaggio, ecc.) può essere considerata come un valido strumento per aumentare la competitività aziendale, per intercettare le esigenze del mercato e ridurre il rischio di reddito e ciò spiega l'espansione delle attività secondarie in agricoltura e giustifica l'interesse della politica di sviluppo rurale affinché il sostegno dei PSR sia orientato a favorire ulteriormente questo sviluppo, perseguendo contestualmente anche obiettivi di tipo ambientale e sociale. In particolare, il Regolamento sullo sviluppo rurale (Reg. n. 1305 del 2013) indica l'opportunità di promuovere la diversificazione degli imprenditori agricoli verso attività extra-agricole, come mezzo per il raggiungimento di una maggiore redditività e competitività del settore agricolo, ma incoraggia anche la costituzione e lo sviluppo di piccole e medie imprese (PMI) extra-agricole nelle zone rurali (Considerando n. 17), per un più generale obiettivo di sviluppo economico e sociale delle aree rurali

http://www.reterurale.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/16485

 

Ø  La domanda di formazione in agricoltura Un'analisi dei fabbisogni nelle imprese agricole

La formazione di adeguate competenze professionali in agricoltura è spesso una questione sottovalutata a causa della prevalente presenza nel sistema produttivo italiano di aziende a conduzione familiare di piccola dimensione economica ed occupazionale. In realtà lo sviluppo agricolo si fonda soprattutto sulla capacità dei sistemi produttivi di offrire prodotti e servizi di elevata qualità, che richiedono specifiche competenze e abilità professionali. L'analisi della domanda di formazione sviluppata sulla base delle indagini realizzate da Unioncamere e Isfol, integrate da alcune informazioni provenienti dai PSR, delinea un quadro dei profili professionali più richiesti dalle imprese agricole e fornisce alcuni elementi conoscitivi sulle competenze che i progetti finanziati dalla Misura 1 dovranno essere in grado di formare

http://www.reterurale.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/16477

 

Ø  Il sostegno per la competitività nei Psr 2014-20: analisi delle Focus area 2a e 3°

Lo studio ha l'obiettivo di fornire un quadro di sintesi della programmazione regionale dello Sviluppo Rurale 2014-2020 relativamente agli interventi per aumentare la competitività delle piccole e medie imprese del settore agricolo e agroalimentare

http://www.reterurale.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/16494

 

Ø  Ricognizione preliminare sui rifiuti agricoli e sui sottoprodotti dell'agroindustria

Il presente studio rappresenta una prima analisi del contesto normativo delle tipologie e delle modalità di utilizzo di sottoprodotti e gestione dei rifiuti per le principali produzioni agricole e dei soggetti coinvolti, con l'obiettivo di fornire un quadro chiaro ed unico della situazione attuale relativa ai sottoprodotti di origine agricola, che sia da supporto alle scelte politiche da intraprendere

http://www.reterurale.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/16486

 

Ai sensi del D.Lgs 196/2003 La informiamo che il Suo indirizzo e-mail è stato reperito attraverso fonti di pubblico dominio o attraverso e-mail o adesioni da noi ricevute. Tutti i destinatari della mail sono in copia nascosta (D.Lgs 196/2003). Qualora il messaggio pervenga anche a persona non interessata, preghiamo volercelo cortesemente segnalare rispondendo CANCELLAMI alla presente e mail e precisando l'indirizzo che desiderate sia immediatamente rimosso dalla mailing list. Tendiamo ad evitare fastidiosi MULTIPLI INVII, ma laddove ciò avvenisse La preghiamo di segnalarcelo e ce ne scusiamo sin d'ora. Grazie.