CONAF - Consiglio Ordine Nazionale Dottori Agronomi e Dottori Forestali
  • CONAF - Consiglio Nazionale
  • Organi Consultivi CONAF
  • Professione
  • Segreteria CONAF
  • Servizi agli Iscritti
  • Centro studi
  • Alta formazione
  • Comunicazione CONAF
  • Area Internazionale

NOTIZIARIO CONAF


Sommario
1. CONAF APPUNTAMENTI
2. CONAF NOTIZIE
3. COMUNICATI STAMPA
4. ORDINI E FEDERAZIONI
5. AGENDA PARLAMENTARE
6. MONITORAGGIO LEGISLATIVO


1.CONAF APPUNTAMENTI

Seduta di Consiglio 4.10.2012 : prende il via l’esame delle proposte di regolamenti in attuazione del D.P.R.137/2012, che saranno sottoposti all’Assemblea dei Presidenti

Assemblea dei Presidenti degli Ordini dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali 11.10.2012

Partecipazione tavolo FAO :10-15 ottobre  ai lavori del CFS (committee on world food )

EXPO 2015: partecipazione del CONAF alla Seconda Edizione dell’International Participants Meeting di Expo 2015 - incontro ufficiale tra gli organizzatori dell’Esposizione Universale, i Paesi e le Istituzioni che interverranno al Grande Evento - che si terrà a Milano dal 10 al 12 ottobre p.v..

2. CONAF NOTIZIE

AMIA (associazione mondiale degli Ingneri Agronomi): Andrea Sisti nominato nel nuovo board 2012 -2015 (vedi com.stampa)

AMIA VI Congresso mondiale degli Ingnegneri Agronomi : accolta la candidatura del CONAF , l’evento internazionale si svolgerà in Italia nel 2015 (vedi comunicato stampa)

Circolare n. 43/2012.

Consultazione telematica della banca dati catastale gestita dall’Agenzia del Territorio. Informativa per le utenze.

L’Agenzia del Territorio in data 17 settembre ha comunicato al CONAF che a partire dal 01/10/2012, per la consultazione telematica della banca dati catastale gestita dall’Agenzia, si applicano i nuovi tributi catastali introdotti con il Dlgs n.16 del 02/03/2012 convertito in L.44 del 26 aprile 2012, art. 6, comma 5 undecies. 

Relativamente ai tributi catastali saranno introdotte le seguenti tariffe per la consultazione dei dati catastali:

 3-bis.1.- consultazione effettuata su documenti cartacei, per ogni richiedente e per ogni giorno o frazione: € 5,00;

3-bis.2.- consultazione per unità immobiliare: € 1,00;

- consultazione per soggetto, per ogni 10 unità immobiliari o frazione di 10: € 1,00;

- elenchi di immobili con estrazione di dati selezionati ed ogni altra consultazione per ogni 10 unità immobiliari o frazioni di 10: € 1,00.

 Le somme corrispondenti ai tributi catastali saranno detratte da un deposito a scalare (castelletto) previsto per le consultazioni e sino ad oggi dedicato ai soli tributi ipotecari.

Laddove, pertanto, non si disponga già di tale deposito, sarà necessario costituirne uno dal quale il sistema provvederà a scalare gli importi dovuti. Gli iscritti, infatti, dovranno versare al CONAF entro la data del 15/10/2012 la somma di € 100,00 sul conto corrente del Banco di Sardegna n.000075700799 / IBAN IT02A0101503200000070075799 , come deposito cauzionale.

Tutta la navigazione attraverso le videate in Html sul portale Sister non produrrà alcun addebito in quanto garantita dal versamento annuale di € 50,00. La generazione dell’addebito si avrà, pertanto, solo ed esclusivamente a seguito della richiesta di produzione del file pdf. Infatti, nel momento in cui verrà richiesta la produzione del pdf di una visura, comparirà una videata con l’indicazione della spesa che si andrà a sostenere e, solo accettando e generando l’addebito, verrà prodotta la stampa richiesta. Pertanto non si avrà alcun blocco degli accessi sin’ora abilitati.

PRECISAZIONI:  

A seguito dei quesiti posti in merito all'oggetto, si precisa che la tariffa esposta nel paragrafo 3-bis.1.,  inerente alla consultazione effettuata su documenti cartacei, si riferisce esclusivamente alle visure catastali richieste agli sportelli dell’Agenzia del Territorio.

Le tariffe inerenti alla produzione di stampe pdf da piattaforma Sister, pertanto, sono solo quelle indicate nel paragrafo 3-bis.2. consultazione della base informativa.

 

Sportello Assicurativo Professionale: questionario online sul sito Conaf

 

Sul sito Conaf, nella sezione Sportello Assicurativo Professionale (link: www.conaf.it/sportello-assicurativo-professionale), da lunedì 17 settembre e per 30 giorni, sarà attivo un questionario online, al quale si potrà rispondere in maniera del tutto anonima, accedendo attraverso un apposito link. 

3.COMUNICATI STAMPA

Convention a Teramo: in Abruzzo presenti 430 professionisti, il 15% è donna

Agronomi: anche in Abruzzo prende il via Coltiv@ La Professione

Il presidente Sisti e vicepresidente Zari hanno illustrato la riforma delle professioni, le novità in ambito assicurativo e la nuova campagna nazionale di promozione della professione

 

Coltiv@ La Professione, la campagna di promozione delle professione di dottore agronomo e dottore forestale, sbarca in Abruzzo. L’occasione è stata la convention organizzata dalla Federazione regionale degli ordini dei dottori agronomi e dottori forestali e l’Ordine dei dottori agronomi e dei dottori forestali della provincia di Teramo, con il patrocinio del Consiglio Nazionale dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali (CONAF), che si è tenuta a Borgo Spoltino di Mosciano Sant’Angelo (Teramo), per discutere dei problemi della categoria, alla luce della riforma professionale. All’appuntamento hanno partecipato il presidente CONAF Andrea Sisti e la vicepresidente Rosanna Zari. Di fronte ad una vastissima platea – hanno partecipato i presidenti degli ordini locali delle professioni tecniche (ingegneri, architetti, geologi, periti agrari, agrotecnici e tecnologi alimentari) con il presidente della Federazione Abruzzo Mario Di Pardo e dell’Ordine di Teramo Marcella Cipriani a fare gli onori di casa -, il presidente Sisti ha illustrato le ultime novità della riforma, spiegando nel dettaglio cosa cambierà nella professione del dottore agronomo e del dottore forestale, nonché nella gestione degli ordini provinciali, e come i professionisti saranno chiamati ad una maggiore responsabilità nell'esercizio della professione. La vicepresidente Zari ha illustrato le novità  sull’introduzione degli obblighi della formazione e dell’assicurazione per i professionisti. Ampio spazio per la campagna di marketing Coltiv@ La Professione, illustrata da Rosanna Zari: «L’obiettivo è quello di promuovere la valorizzazione della professione di dottore agronomo e di dottore forestale – ha spiegato - per i giovani e per lo sviluppo del territorio: una professione fondamentale per i processi produttivi agroalimentari e per il miglioramento della qualità della vita, che si prefigge di promuovere lo sviluppo di Europa 2020. E’ un progetto che vuole stimolare la qualificazione e la formazione universitaria per avere giovani motivati, stimolati ad intraprendere la carriera professionale. Lavorare per lo sviluppo della professione significa lavorare per lo sviluppo del Paese»

 

 «Il seminario – ha detto il presidente della Federazione Abruzzo Mario Di Pardo - è stato l’occasione per riflettere su come cambierà il nostro modo di lavorare, una opportunità per i dottori agronomi e dottori forestali d'Abruzzo per recuperare la consapevolezza del loro ruolo nella gestione di questo territorio».

 «Sono felice che il CONAF abbia voluto far partire il lancio della campagna promozionale Coltiv@ La Professi proprio da Teramo – ha commentato Marcella Cipriani, presidente dell’Ordine provinciale -, che ha meno del 6% di iscritti under 35. Ora tocca a noi: faremo il possibile per far conoscere il fascino della professione di dottore agronomo e dottore forestale ai nostri giovani perché abbiamo bisogno del loro slancio per essere la "professione dell'innovazione». 

 

Coltiv@ La Professione è un progetto che coinvolge l’intera categoria che vuole essere sempre più vicina e di supporto ai consumatori, alle imprese alle istituzioni locali e nazionali, attraverso anche la divulgazione di materiale informativo negli enti pubblici, nelle scuole e Università, e nel web e nei social network (Twitter e Facebook).

 

Agronomi abruzzesi - Sono 430 i professionisti abruzzesi iscritti agli Ordini provinciali; di questi solo il 15% è donna. In provincia di Teramo, dove la percentuale sale al 20%, tre consiglieri su nove sono donne. I professionisti under 35 rappresentano il 14% degli iscritti, mentre il 23% ha un’età compresa tra 36 e 45 anni, il 57% tra 46 e 65, il 4% tra 65 e 75, il restante 2% ha oltre i 75 anni.

 

In onda sabato 29 settembre dalle 10.35 sulle frequenze di Radio 1

Il Congresso mondiale degli agronomi su Radio 1 Rai con il presidente CONAF Sisti

Le proposte CONAF, la nomina di Sisti nel board AMIA e l’assegnazione dell’edizione 2015 all’Italia

 

Un osservatorio sul monitoraggio delle risorse acqua e suolo proposto dal CONAF, l’assegnazione all’Italia dell’organizzazione del Congresso mondiale 2015; la nomina del presidente Sisti nel board dell’AMIA e responsabile per l’area Sud Europa. E’ stato un Congresso mondiale pieno di importanti soddisfazioni per i dottori agronomi italiani, quello che è terminato da pochi giorni a Quebec City in Canada, che ha visto la partecipazione del CONAF con un ruolo da protagonista. Del Congresso canadese se ne parlerà anche domani, sabato 29 settembre (dalle ore 10.35) su Radio 1 Rai all’interno della rubrica “La Terra. Dal campo alla tavola” – storica trasmissione condotta da Sandro Capitani - con un’intervista al presidente CONAF Andrea Sisti.

Dalla terra alla tavola: una professione al centro della filiera agroalimentare

Agronomi: sicurezza alimentare, maggiore produzione e qualità possono coesistere

Coretti, consigliere CONAF : «Agronomi al centro del sistema agroalimentare per garantire reciprocamente consumatori e aziende agricole»

 

Produrre di più per soddisfare le maggiori esigenze nutrizionali, mantenendo qualità e sicurezza alimentare è possibile. Fermo restando il riconoscimento di ruolo centrale dei dottori agronomi nell’intera filiera agroalimentare. Lo ha sottolineato Cosimo Coretti, consigliere CONAF durante il suo intervento al congresso mondiale di Quebec City (Canada) nel workshop su qualità e sicurezza alimentare. «La sicurezza alimentare è il risultato positivo che scaturisce dalle attività svolte da tutti gli attori coinvolti nella complessa catena della produzione agricola, della lavorazione, del trasporto, della preparazione, della conservazione e del consumo – ha spiegato Coretti -. Dal campo alla tavola significa, appunto, che la sicurezza alimentare diviene una responsabilità condivisa tra tutti i soggetti coinvolti nell’intera filiera produttiva». Il quadro normativo (cogente e volontario) nel settore alimentare si è rafforzato ed arricchito nell’ultimo decennio (in Europa con il cosiddetto “Pacchetto Igiene”), con controlli lungo tutta la filiera produttiva e distributiva degli alimenti, allo scopo di garantirne la salubrità e le caratteristiche organolettiche e nutrizionali, a tutela del consumatore e del mercato. L’applicazione dell’attuale normativa è un primo importante passo nel garantire un altissimo livello di sicurezza da un capo all’altro della catena alimentare. «I consumatori – aggiunge Coretti -, oltre che alla sicurezza alimentare, sono sempre più

attenti al contributo dato dall’agricoltura alla sostenibilità, ai cambiamenti climatici, allo sviluppo, alla biodiversità, al benessere degli animali e alla carenza idrica. Questo clima innovativo che si è venuto a consolidare nell’ultimo decennio ha posto il settore agricolo in una condizione di estrema incertezza causata dalla mancanza di politiche parallele indirizzate alla riorganizzazione aziendale in linea con le esigenze e le richieste del mercato. Il settore agricolo, oggi, - ha proseguito il consigliere CONAF – ha bisogno di consulenza tecnica ad elevata professionalità, cioè competenza specifica, deontologia professionale, integrità morale e amore per la terra. La nostra professione, per la propria interdisciplinarietà formativa, ha un ruolo da svolgere anche nel senso del miglioramento della qualità della vita, indirizzando le scelte verso una maggiore qualificazione del mondo rurale, privilegiando l’utilizzo di tecnologie moderne, razionali, “pulite”, per garantire la produzione di cibi sani e di buona qualità. Porre la nostra professione al centro di questo nuovo sistema innovativo, significa porre le aziende agricole e il consumatore in una condizione di reciproca garanzia, uscire definitivamente da una condotta generalizzata, entrare in una logica d’intervento specifica e razionale in linea con le esigenze e le richieste del mercato. Noi dottori agronomi e dottori forestali siamo pronti ed in grado di fornirle, anzi ne abbiamo il dovere morale, assumendoci ogni responsabilità».

 

Nomina durante l’assemblea AMIA

Sisti (CONAF) nominato nel direttivo mondiale agronomi e responsabile del Sud Europa

Il presidente CONAF: «Agronomi italiani al centro del sistema internazionale degli Ingegneri Agronomi»

 

Il presidente CONAF Andrea Sisti è stato nominato nel consiglio direttivo dell’AMIA, l’Associazione Mondiale degli Ingegneri Agronomi in qualità di Segretario Tecnico e rappresentante dell’Europa del Sud. La nomina è avvenuta a Quebec City durante l’assemblea generale dell’ AMIA alla chiusura del V Congresso mondiale.

E’ la prima volta che un rappresentante dell’Italia entra nel board AMIA 2012-2015; questa nomina rappresenta un importante riconoscimento per i Dottori Agronomi e Dottori Forestali italiani, che hanno così allargato gli orizzonti professionali oltre i confini nazionali, infatti il CONAF da alcuni anni ha intrapreso una politica di avvicinamento e di confronto con altre associazioni di Agronomi e Forestali a livello europeo per consentire un confronto ed uno scambio di esperienze con i colleghi europei. La partecipazione e l’ingresso nel nuovo Direttivo dell’AMIA segna la volontà di confrontarsi anche a livello mondiale con i professionisti dell’alimentare, dell’ambiente e del paesaggio (questi alcuni dei temi trattati durante il quinto Congresso). Uno degli obiettivi che si è dato il nuovo direttivo è proprio quello di contribuire in modo attivo a ridurre il problema della carenza di cibo connessa all’incremento della popolazione mondiale facendosi promotori nei Paesi rappresentati nell’associazione, di politiche illuminate per la risoluzione di quella che sarà l’emergenza nel prossimi cinquant’anni. Un tema già al centro dell’intervento del presidente Sisti nella sua relazione congressuale. Il contributo che potranno dare gli Ingegneri Agronomi attraverso la realizzazione di una rete di professionisti che si estenda non solo agli attuali Paesi dentro l’Amia, ma  anche con  l’avvicinamento e l’ingresso di associazioni ed ordini di Agronomi di altri Paesi, sarà determinate per le politiche agroalimentari e contribuirà altresì al riconoscimento globale di questa  Professione.  «E’ un motivo di grande soddisfazione per l’intera Categoria – ha commentato il Presidente CONAF Andrea Sisti –; gli agronomi italiani sono ormai al centro del sistema internazionale degli Ingegneri Agronomi come testimoniato anche dall’assegnazione del Congresso VI mondiale 2015».

Il nuovo consiglio dell’AMIA è composto dal Presidente María Cruz Díaz Álvarez; dal segretario generale Rosario García Moreno, dal vicepresidente Conrad U. Bernier; dagli ex presidenti Carlos Pieta Filho, Fernando Zuloaga Albarrá, Claudio Ortiz Rojas; dal vicepresidente d’America Alejandro Bonadeo; dal vice presidente d’Europa Sean Gaule (CEDIA); dal vice presidente di Africa e Asia Libre; oltre ai Segretari Tecnici Florindo Dalberto, Brasil, (South America); Bernal Méndez Árias, (North America), Andrea Sisti (South Europe), Héctor Glower y Delgado (presidente di APIA).

4. ORDINI E FEDERAZIONI

Federazione Umbria

La corretta gestione del territorio è d’obbligo

Così la pensa la Federazione dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali dell’Umbria

Il Ministro dell’Ambiente Clini sta per presentare il “Piano nazionale per la manutenzione e la messa in sicurezza del territorio dai rischi idrogeologici e sismici”. Lo ha annunciato, con una nota, il Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del Mare. “Gli interventi di difesa del territorio - spiega il Ministero - si ripagano nel tempo con un risparmio importante di risorse. Prevenire costa meno che rincorrere l’emergenza del giorno dopo”.
E’ così che la pensano anche i Dottori Agronomi e i Dottori Forestali dell’Umbria che condividono il fatto che si possano creare nel più breve tempo possibile le condizioni per far diventare la sicurezza del territorio una misura regolare e permanente.  Sperando che queste non rimangano parole al vento, si sollecita l'approvazione di una normativa che deve consentire di prevenire attraverso una corretta e attenta manutenzione e salvaguardia del territorio i danni arrecati da eventi non prevedibili, ma sempre più frequenti in tutta Italia. L’Umbria è una tra le zone a più elevato rischio sismico e idrogeologico in Italia.  Tutti i comuni umbri, 92 in totale, sono stati classificati nel 2003 dal Ministero dell'ambiente e dall'Upi (Unione Province Italiane) a rischio idrogeologico per frane e/o alluvioni. L’Umbria è classificata come zona ad elevato rischio sismico (D.G.R. n. 852 del 2003) e in seguito all’aggiornamento della classificazione sismica approvato qualche giorno fa dalla Giunta risultano 18 comuni in zona sismica 1 (a maggior rischio), 56 comuni rientrano in zona sismica 2 e 18 comuni in zona sismica 3. E’ importante quindi, come spiega Stefano Villarini, Presidente della Federazione dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali dell’Umbria, avere una normativa di riferimento chiara e coordinata per intraprendere azioni mirate alla gestione, pianificazione e manutenzione del territorio e alla redazione di piani di emergenza per tutelare la nostra regione, le sue strutture e in primis i suoi abitanti. Si auspica a tal proposito la riapertura a livello regionale del tavolo di confronto sul Piano Paesaggistico Territoriale, strumento di programmazione di primo livello, e la pianificazione di misure di sostegno e di incentivazione anche con l'utilizzo di fondi comunitari. I Dottori Agronomi e Forestali sono e saranno in prima linea ed a sostegno perché ciò avvenga.

Perugia, 2 ottobre 2012

 

Federazione Lombardia

Distretti per l’innovazione

La Federazione regionale degli Ordini interviene di nuovo sul tema dei distretti mostrando tutta l’attenzione dei professionisti del settore primario verso questa nascente forma di cooperazione.  “La presenza di 18 distretti agricoli accreditati nella nostra regione in meno di due anni – sottolinea Giorgio Buizza, presidente di FODAF – dimostra che ci troviamo di fronte ad una precisa volontà di collaborazione tra imprese agricole e agroalimentari intenzionate a costruire percorsi comuni di rafforzamento e sviluppo”. A detta di FODAF non è un caso che l’esplosione del fenomeno avvenga in una fase di grande difficoltà sia per l’agricoltura che per il resto dell’economia. “La nostra percezione – spiega Buizza – è che la parte più dinamica del mondo agricolo sia alla ricerca di nuove strade di fronte al perdurare della crisi. Ci si rende conto che il treno dello sviluppo si è fermato e che occorrono strategie innovative per puntare ad una ripresa della competitività”.

Milano, 1 ottobre 2012

Ordine di Milano

Compensazioni ambientali: il 7 novembre giornata di studi a Milano

 

Il consumo di terreno fertile, il cambiamento climatico, l’impatto su agricoltura, salute umana, flora e fauna degli ecosistemi, sono fenomeni che sempre di più stanno condizionando la progettazione e la pianificazione di infrastrutture, opere pubbliche e attività produttive. Da “oggetti” da compensare e mitigare le progettualità umane dovrebbero diventare fattori di valorizzazione di un vasto territorio apportando benefici sia all’ambiente, sia alle popolazioni locali. Il raggiungimento di un vero equilibrio tra uomo moderno e ambiente dovrebbe essere sfoggiato con orgoglio in opere e infrastrutture di qualità, segno della piena maturazione della scienza, della tecnica, dell’arte e in ultima analisi della cultura. Quali le metodiche più efficaci per valutare le criticità che programmi e piani provocano all’ambiente, all’agricoltura e alle attività economiche insediate? Quali tecniche per evitarle e ridurle? È una materia complessa oggi regolamentata da una normativa frazionata su più livelli e in continua evoluzione a cui si aggiungono numerosi strumenti volontari. Il tema delle mitigazioni e delle compensazioni ambientali è di grande attualità e coinvolge tanto le imprese quanto le istituzioni nazionali ed europee, gli enti locali e il mondo delle professioni. L’Ordine dei dottori agronomi e dei dottori forestali di Milano, in collaborazione con Regione Lombardia e con i patrocini della Federazione degli Ordini dei dottori agronomi e dei dottori forestali della Lombardia e dell’Ordine degli architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori della provincia di Milano promuove la giornata di studi Compensazioni ambientali: cultura, metodi e valutazioni nella pianificazione e nella progettazione del territorio. All’iniziativa, che si terrà a Milano presso Palazzo Lombardia in via Gioia 47(Ingresso N4 Piano1 Sala 2) (MM2-Gioia) mercoledì 7 novembre p.v. dalle ore 9:00 alle 13:30, interverranno le direzioni generali di Regione Lombardia competenti (Agricoltura, Ambiente, energia e reti, Infrastrutture e mobilità, Territorio e urbanistica, Sistemi verdi e paesaggio), ricercatori ed esponenti del mondo accademico e i professionisti attivi nel settore. Durante la giornata di studio sarà possibile consultare la sessione poster allestita presso l’atelier degli artisti (Sala 1). Per prendere parte alla giornata di studio è obbligatorio iscriversi compilando l’apposito form al link http://www.odaf.mi.it/f_news.html entro il 19 ottobre. La giornata di studi partecipa al programma di formazione permanente dell’Ordine dei dottori agronomi e dei dottori forestali per 0,4 CFP. Intersezioni, periodico di cultura e informazione professionale edito dall’Ordine dei dottori agronomi e dei dottori forestali di Milano, in occasione del primo anno di attività, dedica un numero speciale all’argomento delle mitigazioni e delle compensazioni ambientali. La rivista è consultabile on line all’indirizzo www.intersezioni.eu.

Parco Nazionale Aspromonte (scad. 4 ottobre 2012)

Concorso pubblico, per esami, per la copertura di due posti, Area  C, liv. C1. 
 
    

5. AGENDA PARLAMENTARE

Martedì 2.10.2012

CAMERA

VI Finanze

SEDE REFERENTE

Delega al Governo recante disposizioni per un sistema fiscale più equo, trasparente e orientato alla crescita

(l’esame è il calendario fino al giorno 5)

 

VIII Ambiente

COMITATO RISTRETTO

Modifiche al decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e altre disposizioni in materia ambientale

 

XIV Politiche UE

Legge comunitaria 2012

 

SENATO

2ª Giustizia

SEDE REFERNTE

Tutela penale del patrimonio culturale e paesaggistico

Esercizio abusivo della professione

 

9ª Agricoltura

SEDE REFERENTE

Attuazione legge su etichettatura prodotti alimentari

Valorizzazione della dieta mediterranea

Imprenditoria giovanile in agricoltura

Semplificazione normativa agricola

Sostegno agli imprenditori agricoli e manutenzione del territorio rurale

Innovazione e competitività settore agro meccanico

Commercio interno del riso

Produzione artigianale di grappe

Misure per la competitività e per il sostegno al settore agricolo

Utilizzo agricolo di terreni della laguna veneta

Produzione biologica

 

AFFARE ASSEGNATO

Seguito esame affare su impatto micotossine filiera agroalimentare del grano duro

 

 

13ª Ambiente

SEDE REFERENTE

Aree protette

Prevenzione rischio idrogeologico

Gestione integrata rifiuti 

Salvaguardia laguna Venezia

 

SEDE CONSULTIVA SU ATTI DEL GOVERNO

Qualità dell'aria

 

 

 

Martedì 3.10.2012

CAMERA

XIII Agricoltura

COMITATO RISTRETTO

Disposizioni in materia di raccolta, coltivazione e commercio dei tartufi

Norme per la valorizzazione dei prodotti alimentari provenienti da filiera corta a chilometro zero e di qualità

Disposizioni in materia di agricoltura sociale 

6. MONITORAGGIO LEGISLATIVO

CAMERA DEI DEPUTATI

Lunedì 24.09.2012

Aula

Annunzio di progetti di atti dell'Unione europea
Proposta modificata di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio recante disposizioni comuni sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo, sul Fondo di coesione, sul Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale e sul Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca compresi nel quadro strategico comune e disposizioni generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione, e che abroga il regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio (COM(2012)496 final), assegnata in sede primaria alla V Bilancio.

 

Proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio che modifica la direttiva 2001/110/CE del Consiglio concernente il miele (COM(2012)530 final) assegnata in sede primaria alla XIII Agricoltura.

Risoluzione
E’ stata presentata dall’ On. OLIVIERO e altri (PD) una risoluzione in XIII Agricoltura sui danni registrati nel comparto agricolo a causa della siccità, al fine di accelerare le procedure volte alla dichiarazione dello stato di eccezionale avversità atmosferica per i territori colpiti, di consentire l'attivazione del Fondo di solidarietà nazionale da destinare agli interventi compensativi e di aggiornare con urgenza il Piano irriguo nazionale.  (Link al testo)

Interrogazioni
L’On. NEGRO (LNP) ha presentato un'interrogazione a risposta in Commissione sul tema degli OGM. (Link al testo)

L’On. RELACCI (PD) ha presentato un’interrogazione a risposta scritta sull’introduzione degli OGM. (Link al testo)

 

Mercoledì 26.09.2012

Aula
Annunzio di proposte di legge

FAENZI: «Disposizioni per il rafforzamento della competitività del settore agroalimentare e interventi in favore delle imprese agricole danneggiate dalla siccità nell'anno 2012» (5469).

 

Annunzio di progetti di atti dell'Unione europea

Modifica della proposta della Commissione COM(2011)626 final/3 di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio recante organizzazione comune dei mercati dei prodotti agricoli (regolamento OCM unica) (COM(2012)535 final), che è assegnata in sede primaria alla XIII Commissione (Agricoltura).

 

Modifica della proposta della Commissione COM(2011)628 definitivo/2 di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio sul finanziamento, sulla gestione e sul monitoraggio della politica agricola comune (COM(2012)551 final), che è assegnata in sede primaria alla XIII Commissione (Agricoltura).

 

Modifica della proposta della Commissione COM(2011)625 final/3 di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio recante norme sui pagamenti diretti agli agricoltori nell'ambito dei regimi di sostegno previsti dalla politica agricola comune (COM(2012)552 final), che è assegnata in sede primaria alla XIII Commissione (Agricoltura).

 

Modifica della proposta della Commissione COM(2011)627 final/3 di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) (COM(2012)553 final), che è assegnata in sede primaria alla XIII Commissione (Agricoltura).

 

VIII Ambiente

Indagine conoscitiva

Indagine conoscitiva sullo stato della sicurezza sismica in Italia.

Si è svolta l’audizione della prof.ssa Antonella Peresan, del prof. Federico Mazzolani e del prof. Carlo Doglioni.

 

XIV Politiche dell’Unione europea

Sede consultiva

Istituzione del sistema nazionale delle agenzie per la protezione dell'ambiente e ordinamento delle funzioni ad esso relative dell'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale.

Nuovo testo unificato C. 55 Realacci e abb.

La commissione ha espresso parere favorevole

 

Giovedì 27.09.2012

Aula
Annunzio di progetti di atti dell'Unione europea

Relazione della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio – Quinta relazione finanziaria della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio sul Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) – Esercizio finanziario 2011 (COM(2012)549 final), che è assegnata in sede primaria alla XIII Commissione (Agricoltura), con il parere della XIV Commissione (Politiche dell'Unione europea).

 

Atti di indirizzo
Risoluzione in Commissione
I deputati Nego e Ranieri (LNP) hanno presentato una risoluzione in XIII Commissione (Agricoltura ) sull’agropirateria. (Link al testo)

 

V e 5ª riunite

Procedure Informative

Si è svolta l’ audizione del presidente dell'Istat, Enrico Giovannini nell’ambito dell’esame della Nota di aggiornamento del  Documento di economia e finanza per il 2012.

 

VII Cultura, scienza e istruzione

Risposta a interrogazione
E’ pervenuta risposta all’interrogazione presentata dal deputato Goisis (LNP) sull'inquadramento dei ricercatori universitari. (Testo interrogazione) (Testo risposta

SENATO

Martedì 25.09.2012

Aula

Governo, trasmissione di documenti e assegnazione

Il Presidente del Consiglio dei ministri e il Ministro dell'economia e delle finanze, hanno trasmesso, la Nota di aggiornamento del Documento di economia e finanza 2012.

Alla Nota sono allegate le Relazioni sulle spese di investimento e relative leggi pluriennali.

 

Interrogazione

Il sen. STIFFONI ha presentato un’interrogazione orale con carattere di urgenza sulla mancata adozione di un regolamento attuativo delle società tra professionisti. (Link al testo)

 

10ª Industria

Procedure informative

Seguito dell'indagine conoscitiva sulla strategia energetica nazionale

Si è svolta l’audizione di rappresentanti dell'Associazione Nazionale Costruttori Edili  

 

Mercoledì 26.09.2012

9ª Agricoltura

Affare relativo alla questione inerente alla valutazione dell'impatto delle micotossine sulla filiera agroalimentare del grano duro (n. 398)

La commissione ha espresso parere favorevole allo schema di risoluzione proposto dalla relatrice. (Link al testo)

 

Giovedì 27.09.2012

Aula
Affari assegnati

È stato assegnato alla 9a Commissione permanente l'affare relativo alle problematiche inerenti alla presenza di aflatossine in taluni tipi di cereali, con particolare riguardo alle produzioni maidicole (Atto n. 910).



Ai sensi del D.Lgs 196/2003 La informiamo che il Suo indirizzo e-mail è stato reperito attraverso fonti di pubblico dominio o attraverso e-mail o adesioni da noi ricevute. Tutti i destinatari della mail sono in copia nascosta (D.Lgs 196/2003). Qualora il messaggio pervenga anche a persona non interessata, preghiamo volercelo cortesemente segnalare rispondendo CANCELLAMI alla presente e mail e precisando l'indirizzo che desiderate sia immediatamente rimosso dalla mailing list. Tendiamo ad evitare fastidiosi MULTIPLI INVII, ma laddove ciò avvenisse La preghiamo di segnalarcelo e ce ne scusiamo sin d'ora. Grazie.